PcBrain

Banner
E-mail Stampa PDF

Sapphire Radeon HD6850 Vapor-X: Barts Pro sotto Vapor Chamber - Descrizione Prodotto - 3° Parte

Indice
Sapphire Radeon HD6850 Vapor-X: Barts Pro sotto Vapor Chamber
Caratteristiche Tecniche della Scheda
Descrizione Prodotto - 1° Parte
Descrizione Prodotto - 2° Parte
Descrizione Prodotto - 3° Parte
Metodologia e Piattaforma di Test
1° Parte di Test - 3DMark Vantage (DX10) & 3DMark 11 (DX11)
2° Parte di Test - Far Cry 2 (DX10) & Crysis Warhead (DX10)
3° Parte di Test - Hawx 2 (DX11) & Alien VS Predator (DX11)
4° Parte di Test - Lost Planet 2 (DX11) & Stone Giant (DX11)
5° Parte di Test - Unigine Tropic (DX11) & Unigine Heaven (DX11)
6° parte di Test - Overclock VS Default
7° parte di Test - Overclock VS Default
8° Parte di Test - Performance del Dissipatore
9° Parte di Test - Rumorosità del Dissipatore
10° Parte di Test - Rumorosità a Confronto
11° Parte di Test - Overclock
Conclusioni

Smontare il dissipatore dalla VGA è realmente semplice, poichè basta svitare quattro viti ed applicare una leggera trazione tra PCB e Heat Sink. Si ricorda come questa operazione, oltre a far decadere la garanzia del prodotto, possa provocargli anche dei danni, e quindi la sconsigliamo a chi è meno pratico.

La circuiteria di alimentazione, interamente rivisatata rispetto al modello reference, è composta da sei fasi per la GPU e da due per le memorie.

Svitando altre due viti è possibile separare il dissipatore dalla scocca plastica che lo riveste. Questo consente di mettere le mani sulla struttura radiante, così da poterla pulire quando necessario.

Il vero cuore pulsante della HD6850 Vapor-X è il dissipatore. Questa struttura, che ricordiamo è definita Vapor Chamber, è composta da una camera contenente un liquido che, quando sottoposto all' azione termica del Chip grafico, evapora asportando di fatto il calore prodotto dalla GPU, per poi disperderlo sulle pareti del Heat Sink che, essendo più fredde, fanno condensare il fluido, che successivamente ritornerà nella camera di evaporazione per ricominciare un nuovo ciclo identico a quello appena descritto.

Analizzando meglio il Sink si nota come una struttura in rame si occupi della dissipazione della GPU, mentre una in alluminio gestisca le memorie.



Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più sui cookies e su come eliminarli, visualizza la nostra politica sulla Privacy.

Accetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk